lunedì 27 febbraio 2017

Ricette delle Langhe: busìe, le bugie vuote e ripiene per Carnevale


Nei mesi di gennaio e febbraio da queste parti si frigge! Si sa, dopo le feste natalizie occorre spezzare il ritmo con qualcosa di leggero ...  ^ - ^  I ristoranti delle Langhe in questo periodo propongono un grande classico il fritto misto alla piemontese memoria dei tempi passati in cui nei mesi freddi si macellava il maiale e si approfittava per trovarsi a tavola nel condividere il frutto del lavoro e la collaborazione in famiglia e nelle borgate. Piatto molto laborioso ma altrettanto stuzzicante! Vi avevo già raccontato del mio pezzo preferito: i semolini o frittura dolce. Nelle cucine casalinghe però non si cede il passo si impasta e si frigge per deliziare il palato di grandi e piccini. Ecco che per il martedì grasso di domani vi consiglio il nostro dolce di Carnevale!
Le busìe, ecco il loro nome in dialetto, sono arrivate belle e pronte preparate dal cugino Enrico che ci ha offerto il delizioso dolce declinato in più modi: leggere e croccanti nella versione classica e ripiene, goduriose con la farcitura di confetture e Nutella.
Grazie Enrico!

Busìe
ingredienti
500 g di farina 00
3 uova intere
1 tuorlo
30 ml di liquore
50 g di burro morbido
8 g di lievito per dolci
un pizzico di sale
olio di arachide
zucchero a velo
facoltativo: scorza di limone
per farcire confettura a piacere e Nutella
preparazione
Nel bicchiere della planetaria versare la farina, le uova e il tuorlo, il liquore, il burro, lievito e sale. Lavorare sino ad ottenere un bell'impasto liscio ed omogeneo. Lasciare riposare un'ora. Sulla spianatoia tirare una sfoglia sottile con l'aiuto di un mattarello. Utilizzare la rotella dentata per ricavare delle strisce, dei rettangoli, della dimensione desiderata. Per ottenere le bugie ripiene si ricavano dei ravioli con la farcitura desiderata. Importante: sigillare bene i bordi per evitare la fuoriuscita del ripieno.
In un pentolino con il fondo spesso versare in abbondanza l'olio di arachide e portare in temperatura (circa 160°) e iniziare a friggere. Sgocciolare il fritto su carta assorbente. Attenzione: monitorare la temperatura dell'olio in modo da garantire una cottura uniforme, evitando di colorire eccessivamente il fritto. Devono essere giustamente dorate come quelle in foto.
Con l'aiuto di un colino spolverizzare con zucchero a velo e servire.

giovedì 23 febbraio 2017

Ricette delle Langhe: Ragù bianco di coniglio e sue varianti


Sono campanilista. Amo la mia città (Alba n.d.r.), amo le mie colline e amo tutti i ricordi che ho della cucina della mamma e delle mie nonne ... il ragù preparato con il coniglio è memoria di queste terre dove i contadini allevavano i piccoli animali da cortile come polli, galline e conigli da utilizzare nella cucina casalinga. La carne era un ingrediente nobile che impreziosiva le pietanze della domenica e della festa. Da piccola i miei piatti preferiti erano le bistecche di coniglio (mia mamma le batteva sottili e le impanava), la rolata di coniglio farcita con prosciutto e frittata e il ragù con il battuto di coniglio per condire i tajarin. Il sugo cuoceva piano piano sul putagè, la stufa alimentata a legna, addensandosi lentamente raccogliendo i profumi delle verdure del soffritto  e del trito di erbe fresche dell'orto: salvia, rosmarino.
Ricordi e gusti indelebili ...
Nel tempo ho scoperto che anche nella cucina ligure il coniglio viene declinato in molti modi. Tanto che ho provato la versione di ragù bianco ... ottimo, che ve lo dico a fare?, oppure bianco con olive taggiasche snocciolate.
Provate anche voi le tre versioni che vi ho raccontato e ditemi quale diventerà le vostra preferita :-)

mercoledì 15 febbraio 2017

Capricciosa di pollo con funghetti, carciofini e krustader di Ikea


Da che ho memoria (di ricette di cucina preparate da me) ho fatto e rifatto la capricciosa di pollo con funghetti e carciofini decine e decine di volte. Su per giù sarà protagonista dei miei inviti almeno da una trentina d'anni. Semplice e di sicuro effetto, piace a tutte le età ... l'ho "copiata" da una gastronomia di Alba. O meglio, nessuno mi ha svelato la ricetta ... ma a forza di tentativi sono riuscita a replicarla. Quando mia mamma andava in quel negozio e portava a casa la vaschetta di capricciosa io andavo in brodo di giuggiole!!!!
Non so se dirvi che questa è la ricetta ideale per apprezzare il pollo arrosto o se si fa il pollo arrosto per avere l'occasione di gustare il delizioso antipasto che vi vado a presentare. Rimarrà il dubbio amletico :-P ... ma nel frattempo avrete un versatile piatto che si può trasformare all'occasione da antipasto, farcitura dei tramezzini o tartina per aperitivo o piatto unico su un letto di abbondante insalatina fresca. Questa volta l'ho servito in cestini di pasta sottile e croccante comprati belli e pronti da Ikea. La bottega dei prodotti svedesi ha alcune chicche che posso tornare molto utili se non vi fate spaventare dai nomi :-) Avete già assaggiato  il salmone affumicato a caldo? Perfetto per le rillettes. Molto buone la senape all'aneto, la salsa al rafano e le fettine di cetrioli sottaceto. Mi ricordano i sapori del nord europa ... in particolare i piatti gustati in Scozia ....
E voi avete fatto razzie nella bottega svedese dell'Ikea? Attendo consigli :-)

lunedì 13 febbraio 2017

Sbrisolona alla nocciola tonda gentile gluten free


Pronti per festeggiare San Valentino? Lo so ci sono fazioni di pensiero diverso tra chi l'aspetta ansiosamente chi la cataloga come un'esclusiva iniziativa di marketing. Negli anni sono diventata molto più diplomatica ... non ci sono solo il bianco o il nero ma sfumature di grigio ... No, non sto facendo nessuna allusione al film, è solo un modo per dire che è giusto seguire le proprie inclinazioni. E poi va sempre bene trovare una scusa per festeggiare l'amore, scrollarsi di dosso le difficoltà e godersi la compagnia dei propri cari! Auguri a tutti gli innamorati :-)

domenica 12 febbraio 2017

Banana bread (banana loaf) con farina integrale


Anche io sono capitolata e ho cucinato il banana bread! Qualche mese fa parlando del "gelato super veloce" alla banana mi era stato fatto notare che tutti i foodblogger avevano replicato la ricetta importata di questo saporito plumcake. In fondo sono entrambe soluzioni antistispreco quando la frutta matura molto velocemente ... Le dosi e il procedimento arrivano dal sito della BBC, replicare per credere. Unico adattamento: non avendo il latticello abbiamo usato un po' di latte e un po' di panna addizionato con il succo di limone. Un'altra tacca sul tabellone dell'esperienza di cucina internazionale e colazione pronta per la domenica ... ideale per convincermi a prendere la pastiglia di antibiotico ... la più grande della storia  :-D ... buona domenica!!!!
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...